Opéra National de Paris – stagione 2018/19



TARIFFE: Intero 12,00 € – Ridotto 10,00 €

 

OPERE IN DIRETTA

SPAZIO

Simon Boccanegra

Verdi

Giovedì 13 dicembre 2018 – alle 19.30

Diretta dall’OPÉRA BASTILLE
Orchestra e Coro dell’Opéra national de Paris

DURATA: 2h50 di cui 1 intervallo di 30 minuti

L’ambivalenza del teatro verdiano è particolarmente evidente nei ruoli del baritono. Tra questi, quello di Boccanegra, corsaro divenne Doge genovese, testimone spaccature in questione, che si opponevano i patrizi e plebei trecentesche. Opera conflitti eminentemente politici che potrebbe combinarsi con tempeste della vita familiare, Simon Boccanegra riecheggia la vita del suo autore – colui che issato la bandiera della unificazione italiana e ha superato la perdita della moglie e dei figli . Calixto Bieito, il direttore dell’opera più shakespeariano, offre umanesimo e verità a quest’opera ossessionata dalle scintillanti immagini marittime.

spazio
spazio

Carmen

Bizet

Da gennaio 2019

Registrata all’OPÉRA BASTILLE
Orchestra e Coro dell’Opera Nazionale di Parigi 
Maestro degli Hauts-de-Seine / Coro di bambini dell’Opéra national de Paris

DURATA: 3:00 di cui 1 intervallo di 20 minuti

“Carmen non si arrenderà mai, libera è nata, libera morirà”, lancia l’eroina di Bizet a Don José alla fine dell’opera. Questa libertà irrefrenabile, unita alla necessità di vivere sempre più intensamente sul filo del rasoio, la messa in scena di Calixto Bieito si riflette come nessun altro. Del personaggio di Merimee, Carmen conserva i contorni profondamente iberici di Bieito e il temperamento bruciante di coloro che vivono di piccoli commerci. Ma l’uccello ribelle è fondamentalmente il nostro tempo. Attendente e insubordinata Vamp, testimone della brutalità maschile e sociale, lei rotola a tutta velocità, in fretta di esistere.

spazio

Il lago dei cigni

Rudolf Nureyev

Giovedì 21 febbraio 2019 – alle 19.30

Diretta dall’OPÉRA BASTILLE
Orchestra dell’Opéra national de Paris

DURATA: 2h55 di cui 1 intervallo di 25 minuti

Con la composizione di Swan Lake , Ciajkovskij prende la leggenda dell’uccello immacolato per creare una delle musiche più belle mai scritte per balletto. Marius Petipa e Lev Ivanov coreografi danno il loro pedigree nella storia di questo amore impossibile tra un principe e una principessa terra uccelli, ea sua volta si forma il mito del ballerino-swan ballerina per eccellenza. Nel creare la sua versione nel 1984 per il Balletto dell’Opera di Parigi, Rudolf Nureyev ha scelto di dare una dimensione freudiana, illuminando un disperato profondità sogno poetico Tchaikovsky.

spazio

Lady Macbeth di Mzensk

Shostakovich

Martedì 16 aprile 2019 – alle 19.30

Diretta dall’OPÉRA BASTILLE
Orchestra e Coro del Teatro Nazionale dell’Opera di Parigi 

DURATA: 3h25 compreso 1 intervallo di 30 minuti

Dal progetto iniziale di Shostakovich – dedicare una trilogia al destino tragico delle donne russe attraverso i secoli – rimase solo una pugno-opera: Lady Macbeth di Mzensk . Se uno dei potenti sorgenti del lavoro, l’intertesto shakespeariano è molto amaro qui: a differenza di Lady Macbeth, Katerina Ismailova – che, nel profondo del XIX secolo la Russia, si innamora di un dipendente della sua marito e alla fine sarà portato al suicidio – è meno manipolativo della vittima di una società violenta e patriarcale. Krzysztof Warlikowski rilascia oggi la forza sovversiva di questa opera ardente e scandalosa, che ha segnato i primi anni dell’Opera Bastiglia.

spazio

Cenerentola

Rudolf Nureyev

Da maggio 2019

Registrata all’OPÉRA BASTILLE
Orchester Pasdeloup

2h50 di cui 2 intervalli di 20 minuti

La celebre fiaba di Charles Perrault, musicata da Sergei Prokofiev, viene trasposta in un’ambientazione cinematografica in cui rimandano i riferimenti agli eroi della settima arte americana. Rudolf Nureyev spinge la sua Cenerentola sotto la luce del sole di Hollywood. Con un produttore per la fata madrina e un attore protagonista come Prince Charming, sfugge al suo triste destino e vede i suoi sogni diventare realtà. Una storia che ricorda il coreografo, il giovane Tatar diventa star internazionale. Con questa “metafora del balletto”, la compagnia rende omaggio a Rudolf Nureyev, che ne è stato il direttore.

spazio

Don Giovanni

Mozart

Venerdì 21 giugno 2019 – alle 19.30

Diretta dal PALAZZO DEL GARNIER
Orchestra e Coro dell’Opéra national de Paris

Co-produzione con Metropolitan Opera, New York

DURATA: 3h30 di cui 1 intervallo di 30 minuti

Che cosa è questo fuoco che spinge Don Giovanni seduce, a presentare, per vincere le donne uno per uno, con febbre e raffreddore racchette da preda predatore, continuando attraverso di loro un oggetto scuro che gli sfugge ancora? Per la sua seconda collaborazione con Da Ponte, Mozart è stato quello di marchiare la storia dell’opera e perseguitare la cultura europea per sempre. Kierkegaard ci ha invitato ad ascoltare in questo Dissolu punito “il sussurro della tentazione, il vortice della seduzione, il silenzio del momento.” Il ciclo Mozart-Da Ponte continua con Don Giovanni affidato a Ivo Van Hove. Abituato a mettere in discussione il senso politico delle opere, il regista capisce, dopo Boris Godunov, la sua seconda messa in scena per l’Opera di Parigi. L’Opera di Parigi e il FRA Cinéma partecipano al Festival musicale offrendo questa opera iconica!

spazio

EVENTI PASSATI

Gli ugonotti

Meyerbeer

Giovedì 4 ottobre 2018 – alle 18.00

LIBRETTO

Diretta dall’OPÉRA BASTILLE
Orchestra e Coro del Teatro Nazionale dell’Opera di Parigi

5h00 di cui 2 intervalli di 30 minuti

L’arrivo di Giacomo Meyerbeer a Parigi nel 1825 fu quello di rimodellare le carte del teatro lirico. Imponendo il genere della Grande Opera, il compositore fece della Storia il perno principale dello spettacolo nel diciannovesimo secolo. Gli ugonotti è un affresco monumentale raffigurante amori impossibili nel contesto di San Bartolomeo. Creato all’Opera di Parigi, il lavoro ci ha celebrato nel 1936, dopo più di un migliaio di spettacoli, il suo centesimo compleanno, prima di essere conservati in un cassetto memoriale della “grande negozio”. Per la sua riscoperta Andreas Kriegenburg registrata questi amore senza tempo e conflitti religiosi in un ambiente incontaminato, dove i costumi emergono più vistoso e il sangue delle vittime più violentemente rosso.

spazio

Omaggio a Jerome Robbins

PRENOTA
Giovedì 08 novembre 2018 – alle 20.00

Diretta dal PALAZZO DEL GARNIER
Orchestra dell’Opéra national de Paris

DURATA: 2:10 di cui 1 intervallo di 20 minuti

Jerome Robbins considerava il Balletto dell’Opera di Parigi la sua seconda famiglia dopo il New York City Ballet. Questo spettacolo in suo onore riunisce opere che riflettono l’infinita diversità delle sue fonti di ispirazione e il suo genio del palcoscenico. Tra Energy Glass Pieces , grande dimensione delle camere, e ogni dolcezza interna del pomeriggio di un fauno e una suite di danze , emerge questa rara capacità di vibrare il corpo in una comprensione vivente della musica. Con l’entrata nella directory del famoso Fancy Free , un vero e proprio ritratto teatrale di un’epoca, Robbins offre un altro aspetto del suo talento.

spazio